Lavoro, Famiglia e Legalità: i temi al centro del dibattito nei congressi regionali

Tra settembre e ottobre, si sono svolti diversi congressi regionali (Liguria, Calabria, Sicilia, Sardegna, Marche) nel corso dei quali sono stati affrontati alcuni tra i temi ad oggi al centro del dibattito a livello regionale e nazionale in materia di lavoro, famiglia e legalità.

Con il patrocinio del Consiglio Nazionale dell’Ordine, di Fondazione Studi, dell’ANCL, dell’ENPACL, nonché di Fondazione Lavoro, i congressi regionali hanno rappresentato importanti momenti di approfondimento e di analisi degli effetti prodotti all’interno del panorama “lavoro” dalle politiche e dalle riforme di recente introduzione; dal welfare aziendale, alla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, alla parità di genere, dalle politiche attive del lavoro, alla riforma degli ammortizzatori sociali, all’alternanza scuola-lavoro, alla legalità. In tale contesto, il contributo di Fondazione Lavoro al confronto in atto si è incentrato sul tema delle politiche attive del lavoro e dell’alternanza scuola-lavoro. Come più volte evidenziato, le politiche attive del lavoro rappresentano per la Fondazione un’area di intervento strategica dalla quale derivano importanti opportunità di sviluppo finora esplorate solo superficialmente, sebbene con ottimi risultati, attraverso il Programma “Garanzia Giovani” (con le misure di orientamento specialistico, promozione dei tirocini extracurriculari, accompagnamento al lavoro) e interventi specifici promossi dalle amministrazioni pubbliche (centrali e locali) mirati all’inserimento/reinserimento lavorativo e al sostegno dell’occupazione (contratto di ricollocazione, bonus occupazionali). Parlando ancora di occupazione giovanile, dopo le diverse riforme che hanno messo mano all’istituto dell’apprendistato con l’obiettivo (soprattutto con quello di primo livello) di realizzare il sistema duale avendo come riferimento il modello tedesco, ora si cerca di anticipare l’ingresso dei giovani nel mercato del lavoro attraverso una concezione integrata del processo educativo, puntando sull’alternanza scuola – lavoro per avvicinare il mondo della formazione a quello delle imprese; in tale ambito abbiamo l’opportunità di ricoprire quella figura di raccordo tra scuola e impresa necessaria affinché questo tipo di percorsi possano essere avviati.

L’impegno della Fondazione in tali ambiti è costante, con l’obiettivo di potenziare e migliorare i servizi a supporto dei Delegati in un’ottica di rafforzamento e consolidamento della nostra rete, affinché si possa operare in maniera sempre più efficace, contribuendo agli obiettivi di occupazione e inclusione delle politiche nazionali.